• Home
  • Ristoranti e Vini
  • Cucina
  • Salute & Bellezza
  • Intrattenimento
  • Fashion
  • Viaggi
  • Eventi
  • Interviste
AREA RISERVATA

Login to your account

Username
Password *
Remember Me
Back Sei qui: Home Interviste Aziende Pecso electricables

Aziende

Pecso electricables

pecso

Da 40 anni autentica storia di successo tutta italiana

Il piccolo feudo degli Ippoliti può fregiarsi di un’azienda che quest’anno festeggia il 40° dalla fondazione. Quarant’anni sono un traguardo invidiabile che per un’azienda è sempre un successo poter celebrare.

Per poter affermare che questo non è un traguardo, ma un nuovo punto di partenza, ci vogliono il coraggio e la determinazione di una proprietà che crede fortemente e in modo lungimirante in questo obiettivo, valori che fanno parte del Dna della PECSO. Forse è proprio questo il segreto alla base della lunga storia di successo dell’azienda gazoldese.
Siamo nel 1979: dall’iniziativa dei suoi soci fondatori Franco Pizzoni e Giovanni Capra nasce la  Pizzoni e Capra società, sintetizzata in PECSO che oggi, tradotta in numeri, è una florida azienda che annovera 112 dipendenti, ha un’area produttiva di 15.000 m2, muove 17.350 tons di cavo lavorato (2018), con un fatturato nel 2018 di 65.392.000 euro. Ma cosa produce la PECSO, autentica storia di successo tutta italiana? PECSO progetta e realizza cavi elettrici di alta qualità 100% made in Italy che rispondono alle esigenze tecniche dei vari clienti che l’azienda ha nel mondo.
Irene Pizzoni ed Emilia Capra rappresentano la seconda generazione, o meglio la continuità nell’innovazione dell’azienda ubicata a Gazoldo degli Ippoliti, in posizione strategica per servire sia il mercato italiano che il mercato europeo.

Mi reco nella sede della PECSO: voglio saperne di più su quest’azienda modello nel suo settore.
Dagli elementi dettagliati che raccolgo capisco bene che l’evoluzione della PECSO è un mix di investimenti e di riconoscimenti per i prodotti inseriti e per le varie certificazioni ottenute in anni di duro lavoro grazie ad una filosofia aziendale, che permea l’azienda gazoldese fin dalla sua nascita, che è sicuramente quella di essere un’azienda a conduzione concentrata nelle mani dei fondatori, che negli anni hanno consolidato delle posizioni ben definite, mantenendole all’interno dell’azienda stessa, affiancati in posizioni chiave ormai da tempo da Emilia ed Irene, figlie dei rispettivi titolari.
Un lavoro basato sulla concretezza, sul consolidamento delle scelte effettuate, mai azzardate ma fatte, passo dopo passo, con estrema oculatezza. Non è un caso che “Fare e consolidare” sia uno degli slogan molto cari ai titolari dell’azienda.

Sono cinque i punti cardine su cui PECSO ha costruito il proprio successo: la presenza costante nei mercati in cui opera l’azienda e una totale dedizione ai medesimi; la fidelizzazione dei clienti; l’aver saputo metterci la faccia in ogni occasione, in quanto l’azienda riconduce immediatamente ai titolari e alle figlie che la gestiscono e ne rispondono in prima persona; la territorialità, per cui si privilegiano personale dipendente, ed aziende
che collaborano, appartenenenti al territorio, cosa che ha dato origine al riconosciuto Sistema PECSO “Made in Mantova”; infine, una grande attenzione e concentrazione sui propri mezzi e potenzialità ovvero la piena consapevolezza di quello che si può fare, o meno, in azienda.
Tecnologie ormai consolidate, PECSO si presenta come un attore affidabile sia per i propri clienti che per i propri fornitori che seguono da sempre l’azienda mantovana in un connubio dove Pecso incarna trasparenza, comunicazione diretta con il mercato senza intermediazioni, efficienza.
PECSO è azienda, infatti, dalle dimensioni medie, che le consentono di muoversi abbastanza velocemente, accontentando e soddisfacendo quelle che sono le esigenze dei vari clienti. Senza ombra di dubbio, un assoluto punto di forza.
E’ stata definita in modo appropriato “La più grande tra le piccole”: ed è effettivamente così.
PECSO si colloca, infatti, subito alle spalle dei 5-6 competitor (assolutamente colossi) più grandi del mercato, ma immediatamente prima tra tutte quelle aziende concorrenti di pari struttura.
Una posizione per certi versi scomoda e difficile, ma per altri versi estremamente vantaggiosa, tutta da sfruttare.
Per quanto riguarda la gestione dell’azienda PECSO, in un settore dove si viaggia su un prodotto commodity, ovvero standard per tutte le aziende produttrici, si coglie immediatamente che diventa fondamentale il controllo in modo precisissimo dei costi, monitorati al centesimo, ove tutta la filiera dev’essere coinvolta in tal senso. Anche il personale risulta un fattore chiave, ove fidelizzazione del medesimo, assenza di turn-over, valorizzazione attraverso un percorso di perfezionamento ed ottimizzazione delle risorse, sono valori fondamentali per la crescita dell’azienda.
Oggi PECSO si divide per il 50% su un mercato “domestico” e per l’altro 50% dedicandosi all’export, in un equilibrio che l’azienda ha raggiunto ed ama mantenere.
Vecchia Europa ovvero Francia, Germania, Inghilterra ogni anno si succedono sul podio dei paesi con più commesse. Ma, udite udite, si registrano anche clienti in Asia che, sembra strano, prediligono il made in Italy e lo vogliono ben dichiarato e stampato sulle confezioni.
Anche il nord Africa per PECSO rimane un mercato interessante. La Penisola Scandinava, repubblica Ceca, repubblica Slovacca, Polonia sono, infine, tutti paesi dove Pecso è assolutamente presente nei mercati di riferimento.
In Germania l’azienda mantovana si avvale di un’agenzia storica da 25 anni mentre, per quanto riguarda gli altri paesi, opera direttamente il responsabile commerciale PECSO.
Una strategia voluta fortemente, quella di investire sulla struttura commerciale, per poter toccare con mano, direttamente, le realtà industriali con le quali si realizzano affari, si stringono accordi, finalizzano strategie commerciali senza alcun tipo di filtro. La scelta di partecipare in prima persona alle fiere principali del settore, in paesi ove si possono incontrare mentalità molto più aperte, ha consentito di instaurare delle partnership solo fino a pochi anni fa inimmaginabili: e questo conferma la bontà dei nuovi piani commerciali dell’azienda. PECSO, e voglio evidenziarlo, ha riservato ed ha tutt’oggi un occhio di riguardo anche per la salute: da diversi anni ha introdotto, infatti, prodotti senza alogeni che l’azienda promuove moltissimo, sia in Italia che nei mercati esteri, cercando soprattutto quelle aziende che sono sensibili in questa direzione. Alcuni anni fa l’azienda mantovana è stata la prima produttrice italiana ad eliminare alcune sostanze chimiche all’interno del proprio prodotto, anche se la normativa ne avrebbe posto il divieto molto più avanti a livello temporale.
Una scelta di coscienza, che fa onore ai titolari della PECSO, proprio perchè queste sostanze andavano ad impattare sulla salute sia dei lavoratori che degli utilizzatori finali.
Dal 2016 PECSO ha la certificazione BS OH SAS 18001, che rende l’ambiente di lavoro diverso e migliore da com’era precedentemente e che è stata non imposta, ma volontaria.
Davanti a tanta efficienza ci chiediamo: e il futuro di questa azienda come sarà?
Di certo PECSO oggi guarda avanti e punta, come prima cosa, ad investire sul personale, ad ottimizzare l’organizzazione e ad innalzare il livello del medesimo col fine di creare una squadra di collaboratori fidata e di livello, che possa completare il passaggio generazionale dell’azienda, che vede in Emilia Capra ed Irene Pizzoni la continuità delle scelte lungimiranti fatte da Giovanni Capra e Franco Pizzoni.
Si sta già lavorando sul portafoglio prodotti in gomma e si è acquisita recentemente una linea che ha un buon potenziale produttivo da immettere sul mercato, non solo come quantità di prodotto da immettere ma anche come tipologia del medesimo, che l’azienda mantovana non ha mai avuto e che porterà vantaggi sicuri e notevoli alla stessa.
Abbiamo chiesto alle affascinanti future timoniere della PECSO, prima di tornare in redazione, quali siano stati i riconoscimenti ufficiali ricevuti in tanti anni di lavoro.

Ci hanno risposto così: “Non abbiamo ricevuto targhe o pergamene che si, possono far piacere ma spesso lasciano il tempo che trovano.
I migliori riconoscimenti che ci sono arrivati provengono dai nostri clienti che continuano a rimanere legati a PECSO da oltre 30 anni: sentire che apprezzano la qualità del tuo prodotto, la tua affidabilità, il tuo lavoro, il tuo metterci la faccia vale più di tanti premi. Il nostro cliente ha dimostrato nel tempo di saper riconoscere anche i momenti in cui un’azienda può avere un piccolo problema, ha capito e crede nella filosofia dell’azienda
e comprende che ci può essere, nel corso di un rapporto di lavoro, un momento di ritardo di consegna, piuttosto che un qualsiasi altro tipo di imprevisto; ma non sceglie di abbandonarti, di andare da un altro fornitore il giorno dopo. Decide invece di interfacciarsi con te e di risolvere la situazione e questo è impagabile, un riconoscimento indiretto di immenso valore.
Un grande motivo di soddisfazione, meglio di un riconoscimento, è il fatto che ci sono persone che lavorano con noi da quando siamo partiti e, come loro, ci sono tanti collaboratori che considerano PECSO e lavorano in PECSO come se l’azienda fosse loro, dimostrando un grande attaccamento alla stessa e un senso di responsabilità encomiabile.
Alcuni dipendenti sono con noi da quando avevano 16 anni: hanno cominciato con noi e sono ancora qui con noi.
Non sono il nostro passato ma rappresentano, unitamente alle nostre idee, il nostro futuro”.

LAST MINUTE

Natura e Ambiente