IL CIELO IN UNA STANZA

soffitto-camera-degli-sposi particolare
Chi non ha mai visto la Camera degli Sposi alzi la mano! Eppure ogni volta che si entra si scoprono nuovi particolari. Si tratta del capolavoro di Andrea Mantegna che, in un torrione del Castello di San Giorgio, dipinge i Gonzaga e i loro cortigiani tra cani e cavalli e una finestra circolare sulla volta da cui si affaccia un cielo con bianche nuvole leggere.
Eccovi allora una selezione di particolari e di diversi punti di vista per guardare la Camera degli Sposi come se fosse la prima volta.
Il putto con la mela in mano – al centro della volta della Camera c’è il famoso occhio con una balaustra da cui si affacciano oltre a vari personaggi anche dei putti che giocano in bilico sul cornicione. Ce n’è uno in particolare che regge una mela nella mano e da quasi 542 anni si guarda bene dal farla cadere. In questa camera non c’è passato e non c’è futuro ma solo l’eterno presente della famiglia Gonzaga.
Una curiosità: un’altra mela (o forse un altro frutto) si trova nelle mani di Paola Gonzaga che la offre alla madre nella scena sul camino....

PER LEGGERE L'INTERO ARTICOLO vai sulla pagina Facebook MCG magazine, sfoglia l'intera rivista gratuitamente e regalaci un MI PIACE!